Elisa Lupatelli

Avere una buona manulalità e senso pratico non basta. Per ridare un’anima a vecchi oggetti a luoghi e spazi da troppo tempo dimenticati, serve un talento innato assecondato e sviluppato da passione e competenza. Seguendo Elisa e la sua rubrica “Two Hands” avrete stimoli creativi, suggerimenti utili e suggestioni a non finire. Ma non vi basteranno mai!!

image-13-11-16-10-18

“L’occhio vuole la sua parte”. Credo che questo dica già molto.
Quello che ho dentro è il gusto per la cura del particolare e del dettaglio in ogni cosa che faccio.
Da sempre amo creare. La mia casa, dove vivo con la mia famiglia e la mia piccola pelosa Lilli, è un laboratorio che ospita sempre nuove idee e anche qualche esperimento.
Nel tempo ho avuto la possibilità di trasformare la passione in qualcosa di più, dedicandomi al recupero di vecchi mobili, oggetti dimenticati e all’utilizzo di materiali inusuali da utilizzare per rendere accoglienti e ridare nuova vita a spazi bisognosi di “cure”. Anche le tecniche creative che utilizzo sono molte, ad esempio lo “Shabby Chic” è una di quelle che mi affascina particolarmente.
Da qualche tempo ho costituito, insieme ad altre persone che condividono questi interessi, un’associazione che si chiama “Officina Flicka”. Portiamo avanti diversi progetti come corsi di “Hobbystica” curati da maestri esperti in vari settori o attività di animazione che prevedono sempre l’uso delle mani per la creazione di oggetti.
Devo dire che far parte di questo mondo mi ha dato sempre un senso di estremo piacere e libertà. Sembra quasi un incanto con tutte le sue sfumature, i suoi colori e le sue forme.
Come in una favola…

“Balle” di Natale

 

img_4028-08-12-16-11-59E’ incredibile quanto la mia testa non smetta mai di “frullare”…
Entrando in una carinissima torrefazione nel centro di Roma per bere un Caffè, curiosando come si confà al mio stile, ho visto in un angolo del locale sacchi vuoti di caffè a non finire. C’era una catasta di quei sacchi di tela grezza che vengono utilizzati dai produttori per spedire i chicchi ancora verdi in giro per il modo. Erano bellissimi e diversi l’uno dall’altro e allora mi sono detta…li voglio!
Invece del caffè ho portato a casa le balle di tela.

In tema con il periodo è stata naturale la loro trasformazione. Enjoy!

Elisa Lupatelli

 

dsc_6499

Continua a leggere ““Balle” di Natale”

Michele Baccarini

micheleMichele Baccarini, con la sua rubrica “The Sign”, vi guiderà in un viaggio dove l’immagine e le sue innumerevoli forme prendono corpo e sostanza.  Dietro ad un segno immediatamente visibile esiste un mondo che vale la pena di essere visitato.

Professione: Grafico Senior / Art Director

 

Segni particolari:
Spiccato interesse per tutto ciò che riguarda la percezione:
design, scultura, interior design, cinema, illustrazione, fotografia, moda e viaggi.
Passione ed impegno per la musica, interesse che va avanti da ormai 20 anni,
senza la quale niente di tutto questo sarebbe possibile.

Continua a leggere “Michele Baccarini”

Memorie simili

Esiste un luogo preciso nella memoria di ognuno di noi dove affiora, con contorni appena sfumati nel tempo, una forma che d’improvviso ci appare, collegandoci ad un determinato luogo e momento. A quella prima immagine se ne sono sovrapposte altre con il tempo, ora scovate nelle sale di un museo o nelle pagine di un libro, ora inconsapevolmente cercate in un viaggio; così,athanasius-kircher-saint-andrews-copy-of-a-large-fold-out-plate-print-engraving-detail-turris-babel-tower-of-babel-amsterdam-c-1679 riscoprirne lo svettante profilo all’arrivo in un posto prima sconosciuto, significa ritrovare un punto di riferimento sicuro, sapere che li si sarebbe provato, aldilà delle distanze di spazio e di tempo ormai passate, l’originario sentimento di protezione e di rifugio. Un simbolo, dunque, un archetipo che ha esercitato lo stesso potere di suggestione che, in aggiunta ad ogni fatalità concreta, da sempre ha avuto sugli uomini, come forma dell’inaccessibile da esplorare e percorrere fino a raggiungere, al culmine, la luce e nello stesso tempo come luogo di aspirazioni, di ascensione protesa verso una conoscenza soprannaturale che spinge da sempre l’intuito dell’uomo.

Continua a leggere “Memorie simili”

Erika Mariniello il “cervello” di “Move Your Mind”.

Erika è il cervello della rubrica “Move Your Mind”. Con lei scoprirete luoghi, persone e momenti di viaggio scritti e raccontati da una “mente” sempre in movimento. Partire con Erika sarà sempre un’esperienza stimolante. Seguitela su L’hOST!!

2016-11-17-photo-00000764

“Sono del segno dei Gemelli e questo basterebbe per far capire la mia irrequietezza. Sempre in giro, fisicamente o con la testa, ho una curiosità innata per tutto ciò che è autentico, stravagante e appassionato. Giornalista e videomaker da quando mi ricordo – ho lavorato e lavoro per Marcopolo (Canale nazionale di Viaggi), per Repubblica, ho collaborato con diversi giornali locali e nazionali – più che i fatti amo raccontare i luoghi che vedo, le persone e le loro storie, soprattutto con parole e immagini. Sono nata in Brianza, ma ho sempre preferito stare altrove. Mi sono trasferita in un sacco di posti e ho abitato tantissime case. Da Roma a Civitanova, passando qualche mese a New York e Londra fino ad arrivare a Macerata, città dove ho comprato casa, sono diventata mamma e, tra un viaggio e l’altro vivo.”

Alloggi alternativi, quando la vacanza è in casa o in un albergo diffuso

2
Albergo Diffuso “Munta e Cara”

Addormentarsi in una camera vista su una delle più belle piazze di una città d’arte, svegliarsi tra i vicoli di un borgo medievale dove il tempo si è fermato. Sogni? No, realtà. Esperienze che aggiungono valore ad una semplice vacanza e che la rendono ancora più indimenticabile. Non me ne vogliano i gestori di hotel o di classiche strutture ricettive, ideali anche queste per organizzare un fine settimana o qualche giorno in più, ma per cominciare il mio viaggio con L’host vi voglio parlare di un modo alternativo per soggiornare in vacanza. Continua a leggere “Alloggi alternativi, quando la vacanza è in casa o in un albergo diffuso”